Carrara – Sportello Energia

Scritto da il 15 marzo 2011
Carrara – Sportello Energia

ACU (Associazione Consumatori Utenti) apre uno sportello per i consumatori dedicato ai temi dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili.

Il nuovo sportello ACU è un servizio gratuito messo a disposizione dall’Associazione. Per il periodo estivo è aperto al pubblico su appuntamento presso la sede regionale di ACU in via Carriona 44, a Carrara (MS) presso l’ex Mulino Forti.
Il nuovo sportello di Carrara fa parte dei punti assistenza per il cittadino consumatore ed utente “‘Prontoconsumatore”, per cui ACU Toscana gestisce altri sportelli in molte altre province.
Con le attività dello Sportello Energia l’Associazione vuole diffondere informazione e consapevolezza nei consumatori – utenti in relazione ai propri diritti ed incrementare una cultura consapevole del consumo.
Rispetto agli sportelli Prontoconsumatore, lo Sportello Energia è rivolto a fornire informazioni ed assistenza per tutte le opportunità legate al risparmio energetico ed all’efficienza energetica.
Presso lo sportello si potranno trovare informazioni ed assistenza riguardo a: risparmio energetico, incentivi e detrazioni disponibili, obblighi di legge, impianti per energie rinnovabili, uso consapevole delle risorse.

A chi è rivolto lo Sportello Energia?

  • Ai cittadini che vogliono investire nelle energie rinnovabili
  • A chi ha bisogno di informazioni sulla certificazione degli immobili
  • A chi ha avuto problemi con il mercato delle rinnovabili
  • A chi si vuole sfruttare le opportunità fiscali e gli incentivi economici disponibili per l’efficienza energetica, le riqualificazioni, le fonti rinnovabili
  • A chi vuole ridurre il costo delle bollette
  • A chi vuole migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione

Email: riccardo.borzoni@acutoscana.org
Telefono: 329 07 64 689

Lo Sportello Energia sul sito di ACU

Ti piace questo post? Segnalalo e condividilo con i tuoi amici.

« Solare termico negli Enti pubblici
Fotovoltaico. Approvata la proposta di legge toscana »