Contributi per la ristrutturazione degli ambienti di lavoro

Scritto da il 12 marzo 2014
Contributi per la ristrutturazione degli ambienti di lavoro

Le imprese italiane, anche ditte individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura, hanno l’opportunità di richiedere un’agevolazione per il finanziamento di progetti di investimento, progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, e progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro, rispondenti a certi requisiti.

Dato interessante, per le tematiche di cui ci occupiamo in questo spazio web, è che i progetti di investimento delle imprese possono riguardare la ristrutturazione o la modifica strutturale degli ambienti di lavoro o dell’impiantistica, e interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio.
L’iniziativa, emanata dall’ Inps, ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro, inteso come “miglioramento documentato delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti e riscontrabile con quanto riportato nella valutazione dei rischi aziendali”.

Che tipo di agevolazione?
L’agevolazione è costituita da un contributo in conto capitale nella misura del 65% dei costi del progetto, costi che devono essere documentati e direttamente sostenuti dall’ impresa che presenta la richiesta di agevolazione, i cui lavoratori e/o titolare siano beneficiari dell’intervento. Il contributo massimo erogabile è pari a € 130.000 euro, il contributo minimo erogabile è pari a 5.000 euro.

Come fare domanda?
Per presentare domanda l’iter non è immediato; la richiesta è articolata in varie fasi, prevedendo un primo momento di iscrizione online ad un sito dedicato (entro l’8 aprile); successivamente, dopo aver ricevuto l’ok di ammissibilità formale si passa alle fasi successive per il caricamento online della propria domanda e poi l’invio sempre da fare online della stessa in data da definire, ma comunque dopo il prossimo 30 di aprile.

Per informazioni: elisa@spazisostenibili.it

Ti piace questo post? Segnalalo e condividilo con i tuoi amici.

« Finanziamenti per acquisto abitazioni e ristrutturazioni efficienti
Rinnovabili e efficienza energetica: agevolazioni per imprese, associazioni e abitazioni »