Efficienza energetica per gli edifici dei Comuni toscani

Scritto da il 21 marzo 2011
Efficienza energetica per gli edifici dei Comuni toscani

Bando per l’incentivazione finanziaria rivolto ai Comuni in materia di produzione ed utilizzo di energia da fonti rinnovabili nonché di efficienza energetica.

Per i Comuni della Regione Toscana è ancora attivo il presente bando di sostegno per gli enti che si impegnano a progettare interventi di ristrutturazione delle proprie sedi, nell’edilizia scolastica, sanitaria, impiantistica sportiva e cimiteriale attraverso l’utilizzo di fonti energetiche e orientate verso la eco-compatibilità degli edifici, con lo scopo di riduzione dei consumi energetici.
Settori di intervento:
– settore dell’edilizia scolastica;
– settore dell’edilizia sanitaria;
– settore dell’edilizia ed impiantistica sportiva;
– settore degli immobili sede dei comuni;
– settore dell’edilizia cimiteriale;
– settore dell’illuminazione pubblica (esclusivamente per gli impianti esistenti che utilizzeranno
tecnologie ad alta efficienza, lampade a risparmio energetico, sistemi di alimentazione elettronica
con telecontrollo e telegestione e/o lampioni fotovoltaici).

Sono ammissibili le sole seguenti tipologie di interventi, così come definiti nella delibera di Giunta regionale n. 972 del 15 novembre 2010:
a) impianti solari fotovoltaici da connettere alla rete di trasmissione elettrica, di potenza di picco
non superiore a 100 kW;
b) impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria;
c) impianti di riscaldamento, cogenerazione e trigenerazione a biomasse di potenza nominale
non superiore a 1000 kW termici e 350 kW elettrici, solo se alimentati da biomasse da filiera
corta (in tal caso la filiera corta dovrà essere dimostrata con la presentazione di copia di
contratti, ecc.);
d) impianti per l’utilizzo diretto del calore geotermico mediante pompe di calore anche senza
prelievo di fluido;
e) teleriscaldamenti: limitatamente alla realizzazione della rete destinata agli edifici pubblici;
f) impianti eolici fino a 100 kW;
g) impianti mini-idroelettrici fino a 100 kW;
h) sistemi di corpi illuminanti a basso consumo delle sedi pubbliche compreso sistema di
controllo
i) impianti di pubblica illuminazione che utilizzano tecnologie ad alta efficienza, lampade a
risparmio energetico, sistemi di alimentazione elettronica con telecontrollo e telegestione e/o
lampioni fotovoltaici;
j) coibentazioni ed interventi di riduzione dei consumi energetici.

Il bando definisce anche l’intensità dell’aiuto, che varia a seconda della tipologia di attività, da un minimo del 20% dei costi ammissibili ad un massimo di 80 %; definisce le spese ammissibili e quelle non ammissibili.
Nel bando è riportata anche la modulistica che deve essere presentata e sono indicati i criteri di valutazione.

La domanda di partecipazione al presente programma deve essere presentata entro e non oltre al 31 maggio 2011.
Ulteriori informazioni possono essere reperite sul sito della Regione Toscana oppure inviate una e-mail a: elisa@spazisostenibili.it

Ti piace questo post? Segnalalo e condividilo con i tuoi amici.

« Fotovoltaico. Approvata la proposta di legge toscana
Legge Regione Toscana sul Fotovoltaico a terra »