Efficienza Energetica delle imprese: contributi in conto capitale

Scritto da il 8 luglio 2016
Efficienza Energetica delle imprese: contributi in conto capitale

Le imprese che hanno sede legale o operativa in Toscana possono fare domanda per ricevere un contributo per la realizzazione di progetti di efficientamento energetico degli immobili.

Il bando prevede tre categorie di imprese beneficiarie, in particolare sono state individuate:

  • le imprese colpite da calamità naturali avvenute dopo il luglio 2015;
  • le imprese che ricadono nel Parco agricolo della Piana cioè quelle che hanno immobili ubicati nei comuni di Firenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Calenzano, Prato, Poggio a Caiano e Carmignano;
  • le imprese che non rientrano nelle due categorie precedenti.

Sono ammesse le aziende rientranti in una delle categorie di cui sopra e che esercitano un’attività prevalente rientrante nell’elenco dei Codici ATECO ISTAT allegato al bando.

L’agevolazione concessa è un contributo in conto capitale pari ad una percentuale del costo totale ammissibile dell’intervento. Le micro e piccole imprese potranno ottenere un contributo pari al 40% del costo ammissibile, le medie imprese il 30% e le grandi imprese il 20%.

Gli interventi ammessi con i quali si potranno realizzare i progetti di efficientamento energetico riguardano:

  • isolamento termico di strutture orizzontali e verticali
  • sostituzione di serramenti e infissi
  • sostituzione di impianti di climatizzazione con impianti alimentati da caldaie a gas a condensazione o impianti alimentati da pompe di calore ad alta efficienza
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore o a collettore solare per la produzione di acqua calda sanitaria, integrati o meno nel sistema di riscaldamento dell’immobile
  • impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento
  • sistemi intelligenti di automazione e controllo per l’illuminazione e la climatizzazione interna sempre ché utilizzanti sensori di luminosità, presenza, movimento, concentrazione di umidità, CO2 o inquinanti
  • sistemi di climatizzazione passiva.

Come presentare domanda di contributo

Per una prima valutazione è opportuno tener presente che i progetti ammissibili alla data di presentazione della domanda di aiuto devono rispettare i seguenti requisiti:

  • essere destinati a immobili che sono sede operativa o unità locale dell’impresa e ubicati in Toscana;
  • essere stati richiesti, dove necessari, autorizzazioni, titoli abilitativi, o qualsiasi altro documento previsto dalle normative vigenti;
  • non aver ancora avviato i lavori.

Per la presentazione della domanda è necessario, oltre che predisporre un’apposita modulistica, produrre una relazione tecnica a firma di un tecnico qualificato indipendente ed esterno all’impresa e presentare i preventivi rilasciati dai fornitori.

Il tutto entro il 1 agosto 2016.

Per valutare la fattibilità di partecipazione al bando e consulenza sulla progettazione tecnica di interventi di efficientamento energetico

Invia una mail  Chiama il 320 48 74 491

Vedi tutti i Contatti

Ti piace questo post? Segnalalo e condividilo con i tuoi amici.

« Riqualificare le strutture turistico-ricettive: attivo un credito d’imposta
Mezzi alternativi ed economici per andare a scuola in modo sostenibile »